Il presepe napoletano del ‘700 e la pittura. La natura morta

Il presepe napoletano del ‘700 e la pittura. La natura morta.

Presepe napoletano e natura mortaL’autore ha voluto dedicarsi allo stretto rapporto esistente fra la pittura napoletana del XVII e XVIII secolo e le figure presepiali del ‘700 e viceversa: all’influenza che taluni personaggi, animali, accessori del presepe hanno avuto su correnti di pittura nei secoli successivi. In questo volume la natura morta, composizione “a tutto tondo” realizzata in cera, in terracotta, in legno e in altri materiali, anche preziosi, comunemente definita “finimento” o accessorio, per la prima volta assurge al ruolo di protagonista. Un cestino di frutta, un fascio di ortaggi oppure un insieme di più elementi non è altro che la versione “plastificata” di quelle nature morte di cui furono maestri: Luca Forte, Giovanbattista Ruoppolo, Giuseppe Recco, Baldassarre De Caro e altri valenti pittori del ‘600 e ‘700 napoletano e non, un genere di pittura di cui il Caravaggio nel secolo XVI fu considerato il precursore. Numerose sono le illustrazioni presenti in questo lavoro provenienti da collezioni private che evidenziano l’affinità fra le opere dipinte e quelle “a tutto tondo” e in scala, che rappresentano quella miriade di accessori che caratterizzano il presepe napoletano. Gherardo Noce Benigni Olivieri affronta queste tematiche grazie a una conoscenza del Presepe a 360 gradi, da collezionista, da studioso ma anche da mercante d’arte.

In offerta ora su Amazon.it
Autore: Gherardo Noce Benigni Olivieri
Copertina rigida: 112 pagine
Editore: De Luca Editori d’Arte (6 novembre 2013)
Lingua: Italiano
ISBN-10: 8865571462