31 Dicembre 2017 “Domenica della Santa Famiglia”

Santa Famiglia - tondo doni - Michelangelo31 Dicembre 2017 “Domenica della Santa Famiglia” nella meditazione di Padre Giuseppe.

 

 

DOMENICA DELLA SANTA FAMIGLIA
Anno B – (Luca 2, 40)
(31 dicembre 2017)

 

 

“Il bambino cresceva
e si fortificava,
pieno di sapienza,
e la grazia di Dio era su di lui (Lc 2, 40)”

Nella sua Incarnazione, il Figlio di Dio ha accettato di vivere in una famiglia, stupendo luogo di umanità. Ha accolto quel mondo quotidiano fatto di affetti, fatiche e legami, gioie e sofferenze. Un mondo ricco di sapienza. Secondo la legge mosaica Gesù, come primogenito, è offerto al Signore. Un’offerta alla quale non si sottrae, perché in essa è custodita il senso profondo della relazione gradita a Dio: vivere in obbedienza alla Sua Volontà.

Gesù, in questa disponibilità al Padre, coinvolge anche i genitori Maria e Giuseppe. E con la sua risposta ai genitori “angosciati” fa capire che un figlio non è un possesso ma un dono, prospettiva nella quale può essere vissuta ogni relazione tra genitori e figli.
“E il bambino cresceva” sta a dire che l’offerta avvenuta nel tempio è continuata nell’ordinarietà di un luogo, di un tempo, di una vita trascorsa in semplicità.

O Gesù, che sei vissuto anche tu in una famiglia e hai imparato il linguaggio degli uomini per narrarci l’amore di Dio, fa che comprendiamo il mistero della tua umiltà per trasformare la nostra umanità in un luogo di comunione con Te e i fratelli.
Gloria, Pax et Fraternitas a voi tutti, “amici” del presepio.

P. Giuseppe Cellucci O.M.I.
Coordinatore Nazionale Assistenti Ecclesiastici AIAP