Associazione trasparente

RELAZIONE SPESE AI SENSI DEL RENDICONTO DEGLI IMPORTI DEL “5 PER MILLE DELL’IRPEF”

PERCEPITI NELL’ANNO 2018 – ANNO FINANZIARIO 2016 REDD. 2015

L’Associazione gestisce dal 1967 il Museo Tipologico Internazionale del Presepio “Angelo Stefanucci” finalizzato a conservare, restaurare, valorizzare, far conoscere il Presepioin tutte le sue declinazioni, a partire dai presepi devozionali fino a quelli artigianali e artistici: il Museo,costantemente arricchito, conserva oltre mille opere, alcune antiche, provenienti da tutto il mondo. Il Museo è aperto e visitabile tutto l’anno, con ingresso gratuito; la gestione del Museo permette la conservazione di opere ormai uniche, consentendo al visitatore un excursus ampio ed esaustivo sul mondo del Presepio, italiano ed estero, essendo rappresentate tutte le “scuole” tradizionali italiane (napoletana, siciliana, leccese, altoatesina, ligure, toscana, bolognese, romana ecc., con pezzi d’epoca ed altri opera di moderni artisti del settore) e del resto del mondo, europeo ed extraeuropeo. Sono infatti rappresentati tutti i continenti che hanno una propria cultura presepistica, con opere di carattere artistico ed artigianale.

Viene anche proposta una esemplificazione dei materiali che possono essere utilizzati: sono infatti esposti presepi in cartapesta leccese, terracotta siciliana, legno, ceramica, vetro, madreperla, pietra, carbone, panno, marzapane, uova, foglie di mais, carta ecc.

Tra i pezzi più antichi, alcune statue napoletane dei secoli XVIII e XIX, un Presepio costruito con piccole conchiglie (Sicilia – Sec. XVII), un S. Bambino in avorio (Sec. XVII), alcune pregevolissime statue bolognesi (sec. XVIII).

Annesse al Museo, consultabili a richiesta, un’ampia biblioteca a tema presepisticoe una raccolta di videocassette e DVD su mostre, corsi di tecnica, storia del Presepio.

Nei locali del Museo vengono organizzatiCorsi di Tecnica Presepistica, tenuti da qualificati maestri, e conferenze sul Presepio.

La struttura concretizza l’impegno dell’Associazione a dare attuazioneagli scopi istituzionali, che costituiscono gli elementi fondanti dell’immagine associativa, perseguiti anche con altri mezzisia dalla Sede Nazionale che dalle Sedi Periferiche:

  • Mantenere viva la tradizione del Presepio;
  • Promuovere e diffondere il Presepio, elevandone l’aspetto qualitativo anche attraverso l’organizzazione di corsi di tecnica e di mostre;
  • Favorire la formazione spirituale degli Associati e far conoscere attraverso il Presepio il Mistero dell’Incarnazione;
  • Studiare ed evidenziare tutti gli aspetti del Presepio: storico, religioso, artistico, tecnico, culturale ed etnografico, anche mediante la rivista associativa “Il Presepio”;
  • Esplicare costante interesse affinché gli antichi Presepi vengano curati, conservati e possano essere visitati;
  • Promuovere la conservazione e la salvaguardia dei Presepi, storici e moderni, anche, come ricordato, mediante la gestione del Museo Tipologico Internazionale del Presepio, con sede in Roma, in Via Tor de’ Conti, 31/a;
  • Favorire la conoscenza e l’amicizia tra gli appassionati del settore e la promozione dell’attività degli artigiani del Presepio;
  • Intrattenere rapporti con Enti culturali e con analoghe Associazioni estere: l’Associazione promuove e coltiva relazioni con Associazioni ed Enti similari esteri, mediante scambi reciproci di notizie e pubblicazioni e con la partecipazione a congressi e convegni internazionali; l’Associazione è sede della Segreteria Internazionale dell’UniversalisFoederatioPraesepistica, che riunisce circa venti Associazioni presepistiche nazionali europee ed extra-europee.

Per il raggiungimento dei propri scopi sociali, l’Associazione, sin dalla sua fondazione, ha messo in atto varie iniziative:

  • Al fine di favorire tra i cultori del Presepio vincoli di fraterna amicizia, l’Associazione si è impegnata a favorire la nascita sul territorio di Sedi Periferiche locali, per poter svolgere più capillarmente la propria funzione, e a promuovere varie iniziative di aggregazione, tra le quali l’organizzazione di un Convegno associativo annuale a livello nazionale, che viene svolto in una sempre diversa località identificata anche tenendo conto di una equa distribuzione geografica. Si organizzano inoltre manifestazioni ricreative, incontri e gite sociali sia per cementare la collaborazione e l’amicizia tra i Soci che per far conoscere Presepi antichi.
  • L’Associazione inoltre patrocina e promuove conferenze, simposi, ritiri spirituali ed altre iniziative quali l’allestimento di mostre presepistiche, l’organizzazione di concorsi sul Presepio (in particolare rivolti alle famiglie e ai giovani), l’istituzione di presepi e musei del Presepio permanenti; ha inoltre curato, edito o favorito pubblicazioni inerenti il Presepio, e promozionato similari iniziative anche di diversa origine.
  • Costante attenzione è anche rivolta a favorire la conoscenza, tra i propri Associati, dell’attività di artigiani e artisti presepisti; a livello locale sono stati anche istituiti corsi di formazione professionale.
  • Continuo impegno viene posto al fine di elevare tecnicamente ed artisticamente la costruzione del Presepio: a tal fine vengono promossi e organizzati corsi teorico-pratici di tecnica costruttiva presepistica, distribuiti su tutto il territorio nazionale. Presso la Sede Nazionale di Roma i corsi si tengono abitualmente con cadenza mensile, e si intensificano a partire dal mese di ottobre. Sono aperti a tutti, Soci e non, e rivolti anche a maestri e insegnanti per i quali si sono a volte tenuti corsi specifici.

Nell’anno 1953, quindi sin dalla sua fondazione, l’Associazione Italiana Amici del Presepio ha dato inizio all’attivitàdi informazione attuata fondamentalmente attraverso la rivista “Il Presepio” e in seguito anche con l’utilizzo dei media.

Il contributo relativo all’anno finanziario 2016 relativamente ai redditi 2015, accreditato sul c/c di questa dell’A.I.A.P. in data 16/08/2018 e pubblicato degli elenchi dei soggetti ammessi da parte dell’Agenzia delle Entrate è avvenuta in data 06/07/2018. ed è stato utilizzato esclusivamente per sostenere i costi Tipografici relativamente alla preparazione grafica e stampa della rivista Associativa “il presepio” inviata a mezzo posta a tutti gli associati.

Nello specifico l’entrata del 5 per mille ha potuto coprire, anche se parzialmente, il  costo relativo alle spese tipografiche della Soc. Ograro S.r.l. per il periodo  di ottobre e novembre 2018  su fatt. n., 318 del 08 ottobre 2018 per euro 9.859,22 e fatt. n. 402 del 26 novembre 2018 per euro 7.311,22 per un totale complessivo di euro 17.170,44.

Il Presepio”, trimestrale giunto al n. 257 (marzo 2019), viene inviato a tutti i Soci e, oltre alla relazione sulle attività associative, fornisce spunti di riflessione spirituale e notizie su tecnica, storia, bibliografia, curiosità, manifestazioni.

Ogni numero si compone di media di circa 80 pagine; annualmente vengono anche pubblicati un inserto che presenta un itinerario presepistico nazionale ed una raccolta delle attività svolte dalle Sedi Periferiche associative.

Sono state pubblicate, dalla sua prima pubblicazione, oltre 20.000 pagine interamente dedicate al Presepio, che hanno fornito utili spunti di studio e approfondimento a studiosi, insegnanti e semplici appassionati. Molto spesso articoli apparsi su “Il Presepio” sono stati ripresi da importanti testate giornalistiche e da riviste, nonchéda analoghe riviste del settore estere, e utilizzati da numerosi studiosi per la redazione di saggi e libri sulla storia del Presepio.

Grazie anche alla rivista, si è potuta così incrementare e diffondere la cultura del Presepio, favorendone la conoscenza a tutti i livelli e in tutti gli strati sociali.

La redazione, la stampa e la spedizione della rivista costituiscono il maggior impegno economico dell’Associazione, al quale i Soci contribuiscono attraverso la quota annuale di iscrizione, che peraltro deve coprire ogni altro costo di gestione e che, per una politica di massima apertura, l’Associazione si impegna a mantenere contenuta, prevedendo anche quote agevolate per i giovani fino ai 25 anni.

La rivista è stata edita a 2 colori per molti anni. Nell’ultimo decennio l’Associazionesi è però impegnata a rinnovare il periodico, per renderlo più al passo con i tempi, con innovazioni nella grafica e soprattutto con l’introduzione del colore, dapprima limitatamente ad un numero contenuto di pagine e successivamente estendendolo all’interarivista. Ovviamente la stampa a quattro colori ha comportato e comporta un notevole incremento dei costi per sostenere i quali, non volendo gravare troppo sulle quote d’iscrizione, è necessario reperire differenti modalità di sostentamento.

Tutti i documenti attestanti la spesa dichiarata nel rendiconto del contributo del 5 per mille per l’anno finanziario 2016 sono conservati in originale presso gli uffici amministrativi dell’Associazione Italiana Amici del Presepio, oltre ad essere regolarmente registrati nella contabilità generale associativa.

La presente relazione è consultabile sul sito Web dell’Associazione www.presepio.it a far data dal

Roma,01/04/2019

                        Il Presidente

                                                           Alberto Finizio