I domenica di Avvento

Tenetevi pronti (Mt 24, 37-44). Con questa prima domenica di Avvento inizia un nuovo anno liturgico, dono speciale per la nostra vita. E’ il tempo che si vive nell’attesa del Signore che viene, periodo liturgico nel quale possiamo ridimensionare il nostro rapporto con Dio.

Un tempo nel quale, mentre siamo in attesa della Sua venuta, ci viene rivolto l’invito a guardare più lontano verso l’alto.

Gesù Cristo che viene in mezzo all’umanità dice che Dio entra nella nostra storia, camminando accanto a noi. Questo fatto è un avvenimento sconvolgente per ogni esistenza umana, che stravolge ogni progetto umano.

Per riconoscere e accogliere questa venuta ci vuole lo sguardo della fede, con il quale si contempla il disegno che Dio realizza e rivela.

Un disegno che si forma all’interno di avvenimenti banali, oscuri e poco significativi. E si manifesta come proposta d’amore per il bene di tutti i figli di Dio. Ed è un progetto che chiama alla conversione.

Questo cammino ci aiuta a comprendere il nostro stato di povertà nel quale ci sentiamo bisognosi dell’amore di Dio. La Parola di Dio che ascolteremo in queste settimane è una parola efficace. Essa potrà risvegliarci dal torpore, rinsaldare la fede e ravvivare la speranza, rendendo autentica la nostra carità.

Un augurio a tutti per vivere un santo Anno Liturgico!

E, nella nostra vita associativa, sia Gloria e Pace.

Giuseppe Cellucci O.M.I.

Assistente  Ecclesiastico A. I. Amici del Presepio