III domenica di Avvento

III domenica di Avvento -11 dicembre 2011

Lodare (Gv 1,6 – 8,19-28)

Con la terza domenica di Avvento, chiamata “domenica della gioia”, siamo arrivati a metà del cammino che ci prepara al Natale di N.S. Gesù Cristo.

E’ una domenica che segna il passaggio dalla prima parte dell’Avvento, austera e penitenziale, alla seconda parte dominata dall’attesa della vicina salvezza. Per questo siamo invitati a gioire perché le nostre attese si compiono.

Il tema della gioia pervade anche le altre letture odierne, in particolare il brano della lettera di San Paolo ai Tessalonicesi quando dice: “Siate sempre lieti”.

Tutto il Vangelo può essere definito come un inno alla gioia. Il nome stesso “Vangelo” significa lieta notizia, annuncio di gioia. Oggi riascoltiamo di nuovo l’invito dell’altra domenica: il messaggio di conversione del Battista. Oggi però è San Giovanni stesso, in prima persona, che ci rivolge l’invito. Ascoltare la sua voce significa iniziare sul serio il cammino di conversione.

Inoltre da questa domenica ci giunge un particolare messaggio: “raddrizzare la via al Signore”. Non riversiamo sugli altri sempre e solo le nostre tristezze, i nostri malanni e preoccupazioni. Proviamo a cercare, in questa settimana, di riversare anche le nostre gioie, a partecipare la nostra contentezza, anche la più piccola.

E continuando a lodare il Signore Gesù mettiamo in pratica l’insegnamento di San Giovanni Battista.

Buon Avvento a tutti,  e profonda preparazione al Santo Natale.

Giuseppe Cellucci O.M.I.

Assistente  Ecclesiastico A. I. Amici del Presepio