LA SEDE DI LECCE 2014

Quest’anno l’attività associativa ha voluto preparare l’evento natalizio organizzando, nove mesi prima dell’evento, una mostra che preannunciava la nascita del Bambino “…e dopo nove mesi germogliò il Fiore . La mostra si tenuta dal 17 aprile al 5 maggio 2014 nel Museo Faggiano Via Ascanio Grandi a Lecce intercettando una gran parte di quei turisti “primaverili” e non “invernali” che visitano la nostra città .

La ormai storica e tradizionale Mostra del Presepio cambia sede !

Dopo 8 edizioni nella Biblioteca R. Caracciolo in S. Antonio a Fulgenzio (2001-2008), 1 edizione nell’’ex Conservatorio di San’t’Anna e nella Chiesa di Santa Elisabetta (2009), 4 edizioni nel Castello Carlo V (2010-2013), questo Natale approdiamo nel seicentesco Palazzo Turrisi in via Marco Basseo, alle spalle del duomo di Lecce, elegante e raffinato esempio di barocco arioso e leggero edificato dalla famiglia Rainò, successivamente passato alla famiglia Palumbo e quindi alla curia vescovile. Oggi di proprietà del Comune di Lecce, ospita la XIV Mostra del Presepio organizzata dall’Associazione Italiana Amici del Presepio sede di Lecce con le due sezioni “tradizionale” e “tematica”.

dal 20 DICEMBRE 2014 al 6 GENNAIO 2015

XIV MOSTRA DEL PRESEPIO

 Si è scelto anche quest’anno di accostare alla tradizionale e fortunata esposizione di prestigiosi Presepi artistici, una sezione di ’Arti Figurative curata dal Socio Stefano Giovanni Garrisi, dal titolo: “ Natale virgulto di pace: l’’Amore genera non violenza ”

con gli appuntamenti :

“L’’Arte è una scheggia d’amore “

A cura di Giuliana Coppola con

Ilaria Seclì,Antonella Marotta,Eliana Forcignanò,Marcello Buttazzo

 

“Natività, famiglia, presepio: il racconto di un mistero che non finisce ”

Relatore : Dott. Marcello Bacile

 

“Concerto Natalizio ”

A cura del gruppo cantori “ Soli Deo Gloria”

Martedì 6 gennaio 2015 – ore 19,30

 

Nell’ ’impianto scenico dei nostri Presepi, come in tutta l’iconografia natalizia, le statue convergono verso la grotta con amorevole speranza, il nostro augurio è che la speranza si confermi sempre più e che si concretizzi in amore, comprensione, fiducia.

Auguriamo come ormai da quattordici anni a tutti i partecipanti, amici e simpatizzanti dell’’arte del Presepio,un fraterno Gloria et Pax!

IL PRESIDENTE

(Angelo Congedo)

 

Natale, la vita che nasce, ed è gioia piena di speranza.

Una vita che nasce riempie il futuro, fa sognare. Il Natale di Gesù diventa così il simbolo delle attese dell’umanità per una vita più serena, pacificata. Lui, questo bimbo  aspettato da sempre, è nel linguaggio profetico un “Virgulto di pace”. Crescerà questo ramoscello, diventerà albero maestoso e possente da spegnere la sete di sangue che ha segnato l’uomo di tutti i tempi?

Se da una parte la fede ci rassicura, dall’altra l’esperienza quotidiana ci sbatte in faccia violenza, atrocità, morte in tante parti del mondo. Mai come oggi l’uomo è svuotato di umanità; ci guidano solo meschini interessi, a volte mascherati di sacralità, che calpestano giustizia e diritti che ogni figlio di Dio deve avere.

La mostra del presepe di questo anno, che si terrà nella nuova sede di Palazzo Turrisi, è ancora una occasione per affermare che crediamo e vogliamo la pace. In che modo?

Il punto di partenza è tutto lì: perché il Figlio di Dio si Incarna ?

E’ il più grande gesto d’amore che la storia abbia vissuto e solo Dio poteva dare. Se ci sarà ancora amore cade ogni violenza e ogni forma di conflittualità nei singoli e tra le nazioni.

Su questo tema “l’amore genera non violenza” si soffermano le composizioni presepiali di questo 2014.

Che sia un augurio per tutti e rinasca in noi l’ottimismo pieno di speranza che Gesù ha innestato col suo ingresso nella storia  come bellamente gli Angeli cantavano sulla grotta di Betlemme: “pace in terra agli uomini che Egli ama”.

Assistente Ecclesiastico

Sede di Lecce

Padre Rosario de Paolis O.F.M.