La simbologia dei colori

Un articolo di Emilia Presutto sul significato e l’utilizzo dei colori nell’Arte.

Ammirando le opere d’arte che parlano di fede, le vetrate multicolori delle chiese ed i colori dei nostri Presepi, mi sono chiesta se potesse esserci un filo conduttore univoco.
Anche i colori hanno avuto in passato la loro importanza nel trasmettere il messaggio di Cristo. Fino al XV secolo, tutti gli artisti sapevano perfettamente il significato di ogni singolo colore. La mia domanda ha avuto risposta qualche tempo fa, quando mi sono imbattuta in un libro che parlava di colori e di fede.

Sapevo che la fede, alle origini del cristianesimo, era diffusa per immagini, simboli e parole. Così ho appreso che anche i colori hanno avuto in passato la loro importanza nel trasmettere il messaggio di Cristo. Fino al XV secolo, tutti gli artisti sapevano perfettamente il significato di ogni singolo colore. E’ necessaria una piccola premessa prima di approfondire l’argomento.

La fisica, attraverso la scomposizione dei colori, ammette, come tutti sappiamo, sette colori: violetto, indaco, blu, verde, giallo, arancio, rosso. La pittura, oltre al bianco, considerato fondamentale, ne riconosce solo tre: rosso, giallo e blu. Le loro molteplici mescolanze danno origine a tutte le sfumature.

Particolare del Presepio della Chiesa dell_Ara Coeli a Roma
Particolare del Presepio della Chiesa dell’Ara Coeli a Roma

La simbologia dei colori riunisce tutti i colori in sé e riconduce la loro origine alla luce o alle tenebre, quindi al bianco o al nero. Se pensiamo che la creazione del mondo allontanò le tenebre (Genesi) e generò la luce e quindi i colori, comprendiamo anche il loro significato. Ogni colore in sé racchiude tre linguaggi o significati che sono: il linguaggio divino (il linguaggio di Dio), il linguaggio sacro (quello liturgico), il linguaggio profano (quello dell’uomo). Questi tre passaggi sono fondamentali per la comprensione del vero significato dei colori e quindi:

il bianco è il simbolo di Dio, colui che è Verità assoluta. E’ il simbolo sacerdotale dei rappresentanti di Cristo E’ per antonomasia il simbolo della purezza, della castità, della verginità, dell’innocenza.
il rosso è il colore del fuoco e dell’Amore Divino. Rappresenta lo Spirito Santo, ed infine è il colore del combattimento (sangue e fiamma).
il blu è lo Spirito di Verità, manifesta il Soffio di Dio. Rappresenta anche l’Amore celeste della Verità, ed è il simbolo della fedeltà.
il giallo (oro) è il simbolo della rivelazione dell’amore e della sapienza di Dio trasmessi dalla luce. E’ la rivelazione trasmessa dal sacerdote ai profani attraverso l’iniziazione ai misteri ed è infine l’emblema dell’amore legittimo.
il verde è il simbolo della Carità di Dio, ottenuta attraverso la rigenerazione dell’anima, della rivelazione delle virtù divine all’intelligenza umana. E’ anche il simbolo dell’acqua purificatrice. Rappresenta infine la speranza.
Questi cinque colori mescolati danno altre tonalità in base al colore dominante.

Ad esempio:
• rosa (bianco e rosso)
• porpora (rosso e blu – dominante rosso)
• giacinto (blu e rosso – dominante blu)
• violetto (rosso e blu)
• scarlatto (rosso e giallo – dominante rosso)
• arancio (rosso e giallo)

Dal nero derivano solo:
• fulvo (rosso e nero)
• grigio (nero e bianco)

Brevemente per ognuno di essi indico il relativo significato:
rosa – amore della sapienza divina;
porpora – amore per la verità;
giacinto – verità dell’amore;
scarlatto – amore del Verbo divino;
viola – unisce l’amore per la verità alla verità dell’amore (Amore di Dio e Sapienza);
arancio – rivelazione dell’amore divino;
nero – contrario del bianco – rappresenta il peccato;
fulvo – simbolo del tradimento;
grigio – morte terrena (utilizzato molto nel Medioevo per rappresentare le scene del Giudizio Universale).

Ecco quindi spiegato l’uso di alcuni colori che a noi sembrano scontati, come il viola del vestito di San Giuseppe, o il rosa dell’abito della Madonna, o il bianco del panno di Gesù Bambino, solo per citare alcuni esempi.
Concludo questo piccolo viaggio attraverso il simbolismo dei colori e convengo innanzi tutto con me stessa che abbiamo tantissimo da imparare dai nostri antenati.
E’ un vero peccato non riuscire a cogliere i messaggi che ci trasmettono le opere attraverso il colore. Sarebbe forse opportuno, nel dipingere le statuine dei Presepi, tenere a mente che anche attraverso i colori trasmettiamo la nostra fede ai visitatori.

Come sempre invito quanti lo desiderano, ad approfondire l’argomento.
Spunti tratti dal libro: “Il Simbolismo nell’Arte religiosa” – Ed. Arkeios -autore René Gilles