E’ morto Gianfranco Salza

Ieri, venerdì 7 aprile, un nuovo grave lutto ha colpito la nostra Associazione, in una tragica catena che sembra non voler avere termine: il Consigliere Nazionale Gianfranco Salza ci ha lasciato dopo un improvviso aggravamento delle sue già precarie condizioni di salute.

 

Gianfranco Salza

Gianfranco Salza

Romano, nel prossimo luglio avrebbe compiuto ottant’anni. Era iscritto all’Associazione dal 1987, ed ha sempre frequentato assiduamente la Sede Nazionale, partecipando a tutte le attività associative. Molti di voi lo ricorderanno nei Convegni Nazionali, quasi sempre impegnato nelle operazioni di segreteria.

Ma il suo apporto non si è limitato alle pur importanti mansioni che il disbrigo delle attività correnti richiede: ha collaborato alla preparazione e all’allestimento di Presepi (primo fra tutti quello per il Comune di Roma a Piazza Navona) e di mostre (a New Haven, Mosca, Tunisi, Varsavia e in tanti altri luoghi), che hanno portato grande visibilità all’Associazione e al Museo del Presepio di Roma.
E ancora ha collaborato all’organizzazione e allo svolgimento di tutti i Corsi di Tecnica della Sede Nazionale, dei Convegni Nazionali di Roma del 2003 e 2007, ha assiduamente lavorato alla manutenzione del Museo di Roma … un impegno costante e appassionato che ha portato anche in seno al Consiglio Direttivo Nazionale, del quale faceva parte dal 2002; dal 2014 era Vicepresidente incaricato per compiti di organizzazione.
Malgrado i molteplici problemi di salute che lo hanno afflitto in questi ultimi anni, la sua collaborazione non è mai venuta meno, così come il suo continuo interessamento per tutte le problematiche associative. Solo negli ultimi mesi, per un peggiorare delle sue condizioni di salute, ha dovuto rinunciare ad una assidua frequenza associativa: tuttavia, non appena un minimo di forze lo sorreggeva, lo vedevamo comparire in sede, pronto a dare una mano per qualunque cosa fosse necessario fare.
In riconoscimento di questi suoi meriti e del viscerale attaccamento all’Associazione, alla quale tanto ha dato, proprio domenica scorsa, 2 aprile, il Consiglio Direttivo aveva deliberato all’unanimità di proporgli la carica di Presidente Onorario: purtroppo in quelle stesse ore le sue condizioni di salute sono improvvisamente peggiorate, portando al tragico epilogo di ieri.
Con Gianfranco se ne va un pezzo importante di storia associativa: rimarrà sempre vivo nei nostri cuori il suo ricordo, ma ci mancheranno la sua simpatia tutta romana, la sua esperienza, il suo consiglio e, soprattutto, la sua amicizia sincera e profonda.
Caro Gianfranco, pregheremo affinché quella che ci accingiamo a celebrare possa essere anche la TUA Pasqua.
Addio, caro Amico.

Il Presidente
Alberto Finizio