Papa Francesco: “Il Presepe è come un Vangelo vivo”

papa_francesco_angelus_natale_avvento_lapresse_2019

Papa Francesco, Angelus in Avvento (LaPresse 2019)

Il Papa oggi prima dell’Angelus ” Il Bambino che giace nel presepe ha il volto dei nostri fratelli e sorelle più bisognosi” e durante la preghiera ha benedetto i Bambinelli dei presepi, portati con se da migliaia di bambini e ragazzi presenti.

 

La Terza Domenica di Avvento accoglie per tradizione al termine dell’Angelus la Benedizione dei Bambineggi del Presepe: così è avvenuto oggi con Papa Francesco che al termine della Preghiera da Piazza San Pietro ha invocato la discesa dello Spirito Santo sui piccoli Bimbi Gesù che affolleranno i Presepi di milioni di famiglie.

L’Avvento è il tempo della grazia e non basta, conclude Papa Francesco prima dell’Angelus, credere in Dio: «è necessario ogni giorno purificare la nostra fede.

Il Bambino che giace nel presepe ha il volto dei nostri fratelli e sorelle più bisognosi, dei poveri che “sono i privilegiati di questo mistero e, spesso, coloro che maggiormente riescono a riconoscere la presenza di Dio in mezzo a noi”».

Dopo la preghiera dell’Annunciazione, la bellezza dell’appuntamento che da 50 anni si ripete in una affollatissima Piazza San Pietro, ogni terza domenica d’Avvento: il Bambinello del presepe che migliaia di ragazzi e bambini stringono in mano viene benedetto dal Papa durante la preghiera dell’Angelus.

Ed in chiusura della preghiera:

«Saluto voi, cari ragazzi, che siete venuti con le statuine di Gesù Bambino per il vostro presepe. Le benedico di cuore. Come ho ricordato nella Lettera Admirabile signum, il presepe è come un Vangelo vivo. Mentre contempliamo la scena del Natale, siamo invitati a metterci spiritualmente in cammino, attratti dall’umiltà di Colui che si è fatto uomo per incontrare ogni uomo. E scopriamo che Egli ci ama a tal punto da unirsi a noi, perché anche noi possiamo unirci a Lui».

News completa su: www.ilsussidiario.net/