Il presepe del Re

Il presepe del Re - Regio Museo Etnografico

Il volume  “Il presepe del Re”  è uno di quei testi che ci raccontano non solo di presepi ma anche di passione e lungimiranza. Ben 380 pagine di una delle collezioni di presepi più belle.

Nel fervore di iniziative culturali e artistiche della Roma degli inizi del novecento spetta all’etnologo Lamberto Loria (1855-1913) il merito di aver raccolto, in occasione della Mostra di Etnografia italiana, tenutasi a Roma in Piazza d’Armi (attuale quartiere Prati) l’eccezionale collezione di figure presepiali napoletane, circa mille bellissimi pastori che susciteranno l’interesse e l’ammirazione dei visitatori della mostra svoltasi nell’ambito dell’Esposizione Internazionale del 1911.

All’inaugurazione, che avviene il 21 aprile, erano presenti i reali di casa Savoia e il principe di Connaught a sottolineare l’importanza dell’evento che rientrava nel più vasto e intelligente programma voluto da Giovanni Giolitti a sostegno dell’economia reso possibile grazie alla riscoperta dei valori e saperi tradizionali.

Per questo nella mostra sarà presentato quanto di meglio era stato prodotto sul territorio nazionale come il presepe napoletano con i suoi pastori del ‘700 e ‘800 raccolti dal Loria e dai suoi collaboratori in due anni. Si tratta di una collezione di inestimabile valore sintesi del nostro “patrimonio materiale e immateriale” che lega credenze profane e religiosità popolare, arte e artigianato destinata a costituire la collezione del Regio Museo di Etnografia che verrà istituito nel 1923.

In offerta ora su Amazon.it: “Il presepe del Re” / 380 pagine / De Luca Editori d’Arte