Quarta domenica di Avvento 2019

Sant'Andrea della Valle - Roma - interno cupola

Interno della cupola di Sant’Andrea della Valle, a Roma.

La meditazione di Padre Giuseppe in questa quarta domenica di Avvento 2019 “Il sacramento dell’incontro tra Dio e l’uomo”. Il piano di Dio s’incontra con la volontà e la collaborazione umana di Giuseppe e Maria.

 

 

IV DOMENICA DI AVVENTO
Anno A – Is 7, 10-14
22 dicembre 2019

 

La Vergine concepirà

La liturgia odierna presenta la profezia di Isaia. Un piano di amore e bontà voluto da Dio. Viene il Figlio di Dio in mezzo a noi, non un uomo qualsiasi. E’ l’Emmanuele, il “Dio con noi”. Nasce da una Vergine, senza il concorso di un uomo. Ma il piano di Dio s’incontra con la volontà e la collaborazione umana di Giuseppe e Maria.

Maria, «eccelsa Figlia di Sion», è il fiore di tutta l’umanità. Giuseppe è l’uomo «giusto» che riceve dall’Angelo il messaggio che gli fa capire che Dio ha bisogno di lui. Il concepimento è opera dello Spirito Santo, e Giuseppe riconosce e fa entrare il bambino nella discendenza di Davide.

Il profeta annuncia un segno riconosciuto e accolto solo nella povertà e nell’umiltà della fede. Il segno dell’Emmanuele si compie in Gesù Cristo, «sacramento dell’incontro tra Dio e l’uomo». La presenza nell’Eucaristia e nelle azioni liturgiche è il nuovo «segno» dato a coloro che accettano di aver piena fiducia in Dio Padre.

Buona ultima domenica di Avvento a tutti voi “amici del Presepio”.

Gloria, Pax et Fraternitas.

Giuseppe Cellucci O.M.I.

Coordinatore Nazionale Assistenti Ecclesiastici Associazione “Amici del presepio”