Sezione di Cisano Bergamasco: il 2015 in breve

Cisano BergamascoIL NATALE .. In Cammino tra i suoi simboli e sulle note dei canti tradizionali, viviamo la festa più amata di tutti i tempi, cercando di andare dritti al cuore del problema: cosa significa per noi, oggi, celebrare il Natale?

Un cammino veramente speciale e ricco quello che abbiamo vissuto in questi ultimi mesi!
Ogni iniziativa è stata un momento di grazia … per gli adulti, che nel corso a loro riservato nei venerdì di ottobre hanno costruito un bellissimo presepe popolare … per i diversamente abili che nei sabato mattina di novembre hanno costruito un bel presepe con delle mollettine e cartone … per i bambini che durante la domenica mattina di novembre hanno elaborato uno stupendo presepe con cartapesta e polistirene.
Soprattutto non sono mancati gli eventi che hanno coinvolto trasversalmente tante categorie di persone della nostra Unità Pastorale, mirando a rafforzare il tessuto comunitario attraverso il Mistero del Santo Natale. Tra queste ricordiamo la bellissima gita sociale a Lendinara (Rovigo) il 6 dicembre, nella quale ci ha guidati il Sig. Campesan che si è impegnato per poterci aiutare a sfruttare al meglio la giornata con visita alla Città e alla Mostra di Presepi.

 
Cisano Bergamasco - Attesa in casa Sangalli - Maurizio BonacinaIn quest’anno siamo giunti anche alla 20a edizione del concorso presepi che ha portato una giuria rinnovata in una ventina di case che hanno voluto dare la possibilità di contemplare la bellissima rappresentazione della Natività da loro realizzata.
Ma il fiore all’occhiello di tutte le iniziative della nostra Associazione , da pochi mesi entrata ufficialmente a far parte del circuito nazionale dell’Associazione Italiana Amici del Presepio come sezione di Cisano Bergamasco , è stato certamente quello della 6a mostra presepi, allestita presso la chiesetta adiacente alla parrocchiale di Santo Stefano in Villasola, nella quale si è notato un innalzamento del livello espositivo che ha manifestato uno stile prettamente museale che ha aiutato a contemplare ancora meglio il mistero dell’Incarnazione.

 

Cisano Bergamasco - Adorazione dei magi - Giuseppe PigazziniTra i suoi visitatori più illustri ci sono stati , il Referente per le sedi e sezioni e consigliere nazionale AIAP Guido Raccagni che ha inoltre Partecipato all’inaugurazione Domenica 20 dicembre, il Parroco della parrocchia giubilare di Somasca Padre Livio Valenti nella Festa di Santo Stefano e Monsignor. Gaetano Bonicelli , Arcivescovo emerito di Siena venuto in visita alla Comunità il 9 gennaio.
Tutto non si è però concluso con la celebrazione del Santo Natale il 25 dicembre, in quanto anche l’inizio di gennaio è stato arricchito da due iniziative: innanzitutto la novità del corteo della mattina dell’Epifania che ha voluto idealmente rappresentare nella paraliturgia, ideata e realizzata dal nostro Assistente spirituale Don Enrico Enea Cortinovis con alcuni collaboratori, il nostro cammino con i Magi seguendo la stella della nostra fede che mai ci abbandona.

 
Non poteva però mancare il grande spettacolo conclusivo domenica 10 gennaio che, con uno spettacolo realizzato per la prima volta in assoluto dalla Compagnia La Gilda delle Arti, ci ha aiutato magistralmente a fare sintesi dei significati soggiacenti alla festa natalizia e quindi a riscoprire “il cuore del Natale”. Con le premiazioni conclusive abbiamo avuto modo di ringraziarci a vicenda per quanto abbiamo vissuto insieme.

 
Grazie al Presidente dell’AIAP Alberto Finizio e a tutto il direttivo per il lavoro svolto al fine di tramandare e valorizzare il mistero della nascita di GESU’ nel Presepio. Un ringraziamento particolare va soprattutto a tutti i soci dell’Associazione che opera a pieno ritmo nella nostra Unità Pastorale e quindi a tutti i collaboratori che in questo periodo hanno dato del loro tempo unitamente alla loro passione per la radice del nostro essere cristiani, cioè fratelli dell’Unigenito che viene ogni giorno per salvare e guidare la nostra vita nella sua Via di Luce e di Amore che sempre ci ricorda il nostro essere in un cammino illuminato dalla sua Misericordia.