Terza domenica di Avvento 2019

Michelangelo Buonarroti - San Geremia - cappella sistina

San Geremia – particolare della cappella Sistina

La terza domenica di Avvento 2019: “La venuta del Signore è vicina” nella meditazione di Padre Giuseppe.

 

III  DOMENICA  DI  AVVENTO
Anno A – Gc 5,7-10
15  dicembre  2019

La venuta del Signore è vicina

Gioia del ritorno in patria e per la libertà riconquistata: ecco il frutto dell’intervento di Dio. Il ritorno dall’esilio, annunciato dai profeti come nuovo esodo, è visto come un atto della potenza e dell’amore di Dio per il popolo, «piccolo resto» di deportati. Cristo viene come colui che guida l’umanità smarrita, sfiduciata e stanca. Egli è il capo dei redenti, sulla strada santa dell’obbedienza e della fedeltà. Ma questo ritorno deve esplicitarsi nel corso delle generazioni. La liberazione esige tempo e fatica, e la gioia è piuttosto quella di un traguardo parziale raggiunto che rimanda, nella speranza, alla mèta finale.

E’ la pazienza di chi sa che il regno di Dio si costruisce lentamente. Il processo di liberazione dell’uomo dalle sue schiavitù e dai condizionamenti interni ed esterni, rischia di essere fatto perdendo di vista la speranza ultima. I segni della liberazione di Gesù, sono l’impegno verso i poveri, gli emarginati, le minoranze, condividendo la sorte di chi non ha speranza. Il gioioso annuncio del Cristo liberatore diventa credibile se i suoi messaggeri sanno pagare di persona ed essere testimoni della gioia.

Salutando tutti voi “amici del presepio”, vi auguro una buona  preparazione prossima al Santo Natale. Gloria, Pax et Fraternitas.

 Giuseppe Cellucci O.M.I.

Coordinatore Nazionale Assistenti Ecclesiastici AIAP