1953 – 1963

Il decennale della nostra Associazione, in quel lontano 1963.

Articolo tratto da “Il Presepio” n. 35 del mese di ottobre 1963.

Con l’animo esultante udiamo gli squilli del decennio echeggiare in tutti gli angoli della nostra Italia: 1953 – 1963! Lo scampanio festoso richiama i nostri Amici del presepio; quelli che appartengono alla nostra Associazione, quelli che vi hanno appartenuto, quelli, infine, che ancora non sono nelle nostre file ma che richiamati dalla fedele voce fraterna, verranno a unirsi a noi in questa crociata di religiosità, di pace, di bellezza.

Decennale AIAP 1963Se ci volgiamo indietro – per un solo istante perché l’uomo deve tendere sempre a proseguire il cammino – infiniti ricordi affollano la nostra mente! Quanti udirono la nostra voce in quel lontano novembre 1953, quanti furono i “patiti” del presepio – alcuni venuti da lontano: da Manfredonia, da Bologna, da Napoli – che risposero al timido appello? Alcune diecine; ma quasi tutti sono rimasti accanto a noi, per delibare le dolcezze del decennio.

Una serie di festeggiamenti – ve ne sono per tutti – durante quattro interi giorni ci terrà uniti; noi vorremmo, approfittando delle giornate festive, che molti venissero a Roma in quei giorni. Difficilmente potrà verificarsi altra occasione così propizia; potremmo conoscerci, fraternizzare, discutere i nostri problemi. E soprattutto tuffarci, spensieratamente, per alcune diecine d’ore nel nostro clima preferito: quello natalizio e presepistico che quest’anno, quasi per incanto, viene per noi anticipato di cinquanta giorni.

Decennale AIAP 1963 messaVerrete Amici, farete questo sacrificio, lieve, se comparato ai grandi vantaggi spirituali? Mi farete un immenso regalo, e mi dimostrerete che la mia opera, tanto faticosa ma pur così piacevole ha dato ottimi frutti. Vi attende tutti, a braccia aperte il vostro presidente.